• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Terremoto: le Guide Alpine pronte ad aiutare nella ricostruzione

MILANO – Il Collegio Nazionale Guide Alpine Italiane, il Collegio Regionale Guide Alpine Marche e il Collegio Regionale Guide Alpine Abruzzo si mettono a completa disposizione delle Istituzioni e si impegnano nella ricostruzione delle aree montane danneggiate dal terremoto del 24 agosto in Centro Italia. Le Guide Alpine offrono la propria opera per tutte quelle attività in cui è richiesta la loro conoscenza e professionalità: dall’accompagnamento con tecniche di protezione su terreni impervi e montani, allo svolgimento dei lavori in fune, alla messa in sicurezza e alla ricostruzione degli itinerari escursionistici e alpinistici.

Il Presidente delle Guide Alpine Italiane Cesare Cesa Bianchi nelle prime ore successive al sisma aveva comunicato direttamente alla Protezione Civile e alle Prefetture interessate la piena disponibilità del Collegio nazionale e dei Collegi regionali di Marche e Abruzzo. Oggi l’impegno si rinnova verso le stesse istituzioni e verso gli Enti Parchi, in collaborazione con il Club Alpino Italiano che opererà attraverso le sue sezioni locali.

“Le Guide Alpine – spiega Cesa Bianchi – sono professionisti formati e abilitati a gestire ed effettuare operazioni di soccorso in zone montuose e impervie con l’uso di attrezzature alpinistiche o di derivazione alpinistica e dei dpi e delle attrezzature necessari per i lavori in fune. Per questo vogliamo mettere la nostra competenza a disposizione delle autorità, per dare una mano in questa delicata fase di ricostruzione”.

La disponibilità è legata sia alla fase preliminare di sopralluogo e rilevamento dei danni, sia a quella successiva di realizzazione degli interventi stessi. In particolare si fa riferimento alla messa in sicurezza, alla tracciatura e all’attrezzatura dei sentieri escursionistici, di pareti d’arrampicata e di itinerari alpinistici, e all’accompagnamento sui terreni impervi e montuosi del personale addetto alla ricostruzione con adeguate tecniche di protezione.

Related Post

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *