• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Attualità, Primo Piano

Ande, Siula Grande: salita perfetta per Didier Jourdain e Max Bonniot

Il Siula Grande (6344 mt) sta nelle Ande peruviane, precisamente nella Cordillera di Huayuash. È un montagna di calcare e ghiaccio che confina con altre di basalto, di varia altezza e tipologia. Di queste fa parte anche il Puscanturpas Este di 5442 mt, un obiettivo di prim’ordine, che presenta una formidabile parete di roccia basaltica. topo1

La prima spedizione (tedesca) che conquistò il Siula Grande è del 1936, ma la fama di questa montagna è riconducibile al fatto di essere stata l’ambientazione del libro “La Morte Sospesa” di Joe Simpson.

“Le bruit des glaçons’” o “il suono di cubetti di ghiaccio” è il nome fantasioso, ma non troppo, che i francesi Didier Jourdain e Max Bonniot hanno dato a questa prima assoluta sulla parete est del Siula Grande, una via ED/1400m/ 6c WI5, salita in stile alpino, senza utilizzo di spit.

le_bivouac_providentiel_Cinque giornate di arrampicata che Didier e Max hanno gustato con il pieno piacere di salire verso l’ignoto.

Dopo un primo tentativo, abortito per il cattivo tempo, ripartono il 24 agosto; dal secondo giorno, le difficoltà aumentano e la voglia di non usare spit li sprona nella ricerca della via più logica di salita. Anche il meteo varia, ma non è mai certo, e così il cielo si pulisce dopo aver nevicato. Superati i primi 750 metri del “triangolo” che fa da scudo alla cima principale, di fatto ci si trova su un’altra montagna, alta altrettanti 750 metri.

Didier Jourdain e Max Bonniot hanno raccontato di una bella salita, ben proteggibile su roccia, meno rispetto a quanto accade nelle Ande, nei lunghi tiri di ghiaccio poco consistente. max_dans_les_fissures_sommitales_de_l_aiguille

Ma tant’è che, alla fine, anche i dubbi del cattivo tempo svaniscono, e la croce del Sud e la Via Lattea brillano nel cielo, annunciando una superba giornata di sole per l’arrivo in vetta, già alle 8 del mattino.

Dopo parecchie corde doppie e un bivacco, il 28 agosto, alle 14, sono finalmente sul ghiacciaio alla base della montagna, pronti a farsi nutrire dai loro bravi cuochi peruviani.

Una bella salita, bravi!

 

Photo courtesy of Groupe Militaire de Haute Montagne

Articolo precedenteArticolo successivo

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *