• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Primo Piano

Tentativi di invernali in solitaria sia sul Fitz Roy che sulla Torre Egger

Dopo il tentativo sul Cerro Torre, terminato con una rinuncia a 40 metri dalla vetta, Markus Pucher ci riprova, questa volta sul Fitz Roy.

Lunedì l’alpinista ha provato a fare un tentativo in solitaria seguendo la Supercanaleta ed arrivando a meno di 200 metri dalla vetta. Ricordiamo che la via, aperta nel 1965 gli argentini Carlos Comesaña e José Luis Fonrouge, è più lunga di 1600 metri di dislivello.

Anche in questa volta Pucher ha però dovuto rinunciare a causa delle condizioni molto difficili data la grande quantità di neve, tanto da rallentare estremamente la progressione.

In canale più basso ha richiesto quasi sei ore, solitamente se ne impiegano due, con la neve fino alla vita. Situazione non migliorata nella parte superiore, inoltre, una volta arrivato alla cresta, a causa di un problema con la corda, che lo ha costretto a scendere di più di un tiro, ha deciso di tornare indietro.

Qualche giorno prima Marc-André Leclerc era arrivato molto vicino a compiere la prima invernale in solitaria della Torre Egger, dalla parete est. Anche il canadese ha dovuto rinunciare a causa del mal tempo e della grande quantità di neve.

Le previsioni danno però una finestra di nel tempo in questi giorni, quindi è possibile che entrambi possano ritentare.

 

(Fonte e Foto: Patagonia Verical. In foto: Markus Pucher)

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *