• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Primo Piano

Nello zaino con 30 kg di materiale bellico della Prima Guerra Mondiale, fermati e denunciati dalla Forestale

Sono state fermate ed identificate due persone residenti in provincia di Treviso, a quota 3.000 metri, sul ghiacciaio di Lares nel comune di Massimeno, area all’interno del parco naturale Adamello-Brenta, con nello zaino cinque bombe a mano,150 cartucce cariche di fucile austriaco, proiettili di artiglieria calibro 65 oltre ad altre 9 testate di proiettili di artiglieria di varie dimensioni per circa trenta chili di peso complessivo. Il materiale è stato sequestrato ed ora i due rischiano una pena che va dai due ai dieci anni di reclusione.

La scoperta è avvenuta a seguito dei controlli da parte della Forestale dell’ufficio distrettuale di Tione, infatti in questo periodo dell’anno, in cui i ghiacciai stanno raggiungendo il massimo ritiro dovuto alle temperature estive, nei territori di alta montagna in prossimità dei ghiacciai nella zona del Car Alto e delle Lobbie, non è insolita, già quattro i fermati negli ultimi 15 giorni, la raccolta illecita di reperti bellici della prima guerra mondiale.

I servizi di vigilanza proseguiranno fino a quando non avverrà il cambio di stagione.

 

(Photo @ Ansa.it)

 

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Molti fucili ’91, in deposito a Terni, distrutti.
    Tolto il materiale ligneo e componenti in acciaio fusi.Ricavato scarsetto, molti li avrebbero comprati inertizzati qui in Italia, o ancora efficenti dopo selezione , in Usa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *