• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Primo Piano

Nepal, valanga colpisce alpinisti sul Himlung Himal (7.126 m). Disperso uno sherpa

Otto membri della medesima spedizione, gestita da Kobler & Partner, erano impegnati a campo 2 sul Himlung Himal (7.126 m), nel Nepal occidentale, quando una valanga li ha travolti.

Gli alpinisti sono stati tratti tutti in salvo, risulta però disperso, secondo l’ufficiale di collegamento del Dipartimento del Turismo, Mingmar Sherpa, il cui destino, riferisce l’agenzia nepalese, è tutt’ora “sconosciuto”. Ulteriori ricerche verranno effettuate in queste ore via terra.

Al momento al campo base del Himlung Himal, che si trova tra il Manaslu e l’Annapurna, sono presenti cinque spedizioni per un totale di 100 persone tra alpinisti e personale di supporto.

Solo lunedì un’altra valanga era caduta sul picco accanto, il Tukuche Himal (6.920 m), travolgendo tre alpinisti, che hanno riportato solo lievi ferite.

 

(Fonte: himalayantimes.com – Foto: Kobler&Partner)

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Gli organizzatori di spedizioni e trekking vogliono sfruttare tutta la stagione e cominciano il piu’ presto possibile, senza tener conto del cambiamento climatico che ormai interessa tutto il mondo.
    30 anni fa si andava in Nepal all’inizio di settembre e tranne qualche „coda monsonica“ non c’erano grandi problemi. Oggi il pericolo di maltempo dura quasi ogni anno fino oltre meta’ ottobre e almeno gli alpinisti autonomi dovrebbere tenerne conto (vedi notizia sul campo II del Manaslu).
    Da una decina d’anni io vado in Nepal solo dalla meta’ di ottobre in poi e non ho mai avuto grandi problemi a causa del maltempo. Andando su mi viene sempre gente incontro, privati e gruppi organizzati, che hanno dovuto rinunciare per via del maltempo. Io e i miei abbiamo sempre
    realizzato i nostri piani. Fa piu’ freddo ma il tempo e’ stabile. Consiglio quindi a chi intende recarsi nell’Himalaya a procurarsi un equipaggiamento adatto, anche se costoso, e di non partire mai prima di meta’ ottobre. Costa sempre meno di dover ripetere il viaggio per poter realizzare i propri progetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *