• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Eventi, Primo Piano

Le Guide Alpine lombarde spiegano l’arrampicata in falesia ai giornalisti

BARZIO, Lecco – Un assaggio di arrampicata sulla roccia dello Zucco dell’Angelone, in Valsassina, per capire dinamiche e pericoli dell’arrampicata in generale e di quella in falesia in particolare. È stato questo il tema del terzo educational per la stampa organizzato dal Collegio regionale Guide Alpine Lombardia in collaborazione con l’Assessorato allo Sport e alle Politiche per i Giovani di Regione Lombardia. Come nelle precedenti edizioni, l’evento è stato voluto per sensibilizzare i giornalisti al tema, e fornire loro gli strumenti per fare informazione secondo l’approccio più corretto. La due giorni è stata anche occasione per presentare il progetto promosso da Regione Lombardia di valorizzazione del sistema delle falesie lecchesi in cui le Guide sono impegnate come parte attiva, e di annunciare il nuovo presidente del Collegio delle Guide lombarde, il comasco Fabrizio Pina.

L’educational per la stampa, a cui è intervenuto anche Antonio Rossi, assessore allo Sport e alle Politiche per i Giovani di Regione Lombardia, si è svolto il 27 e 28 settembre in Valsassina. I giornalisti hanno trascorso la notte al Rifugio Ratti Cassin, ai Piani di Bobbio, e al mattino si sono spostati sulle pareti dello Zucco dell’Angelone, dove hanno provato ad arrampicare. Le Guide Alpine hanno mostrato dinamiche e rischi della progressione su roccia e soprattutto la bellezza e il piacere dell’attività praticata anche a basse quote come spesso capita in falesia.

Scopo dell’evento è stato quello di fare cultura della montagna: diffondere un corretto approccio all’arrampicata in falesia facendo formazione a chi fa informazione, col fine ultimo di incentivare la fruizione corretta e consapevole del patrimonio comune delle falesie lombarde. Con analoghe finalità è stata organizzata per domenica 16 ottobre una giornata di arrampicata aperta al pubblico: le Guide Alpine della Lombardia terranno lezioni gratuite in otto località dalla regione. Un’occasione imperdibile per principianti ma anche per esperti desiderosi di perfezionare la tecnica.

Nell’ambito dell’educational è stato presentato il nuovo presidente del Collegio Guide Alpine Lombardia, Fabrizio Pina, Guida Alpina di Asso, già consigliere del direttivo del Collegio lombardo dal 2008 e consigliere nazionale al secondo mandato. “Raccolgo il testimone di Luca Biagini con energia – ha detto Pina -, forte del fatto di essere parte di un team, il direttivo, operativo, capace di lavorare in concertazione per via di una solida intesa. Sarà al mio fianco come vicepresidente Mario Vannuccini, e anche Luca Biagini continuerà a ricoprire un ruolo importante. Mi fa piacere inaugurare la mia presidenza con l’evento dell’educational che ho sempre appoggiato e condiviso sia nelle finalità che nell’idea. Credo che sia molto importante che arrivino le informazioni corrette al pubblico, sulla montagna e su tutte le sue attività, e pertanto che sia fondamentale che chi le trasmette abbia gli strumenti adatti a poterle trattare. L’educational è inoltre un altro modo per far conoscere meglio la nostra figura professionale, non posso che esserne felice e ringrazio Regione Lombardia per questa opportunità”.

La due giorni infine è stata anche occasione per presentare lo stato dell’arte del progetto di valorizzazione delle falesie lecchesi, punta di diamante della politiche per la rivalutazione del patrimonio montano lombardo, fortemente voluto da Regione Lombardia. Il progetto prevede il restauro di itinerari di roccia nelle falesie del territorio di Lecco, al fine di offrire agli utilizzatori un terreno di gioco allestito in modo impeccabile, che tuttavia non vuole né può mai significare l’eliminazione della responsabilità dell’autoprotezione di chi arrampica.

“Le Guide Alpine hanno messo a disposizione conoscenze e professionalità nella progettazione dal programma di valorizzazione delle falesie lecchesi – ha spiegato Pina -, da un punto di vista tecnico. Sono parte integrante delle commissioni di lavoro, presiedono il percorso progettuale e lo promuovono. Siamo felici di essere un punto di riferimento in questo progetto, che ci sta a cuore sia perché ci stanno a cuore le falesie, nostro terreno di lavoro che così va a migliorarsi, sia per la modalità con cui è stato attuato, con rispetto per le caratteristiche e la storia dei luoghi”.

“Per il terzo anno consecutivo è stato organizzato un educational per la stampa – ha detto l’Assessore Antonio Rossi -, con lo scopo di fare formazione a chi fa informazione e di presentare a voi, e quindi al largo pubblico, le Guide Alpine ovvero i professionisti della montagna, un partner fondamentale per noi con cui lavorare. Iniziative come l’educational rientrano nel programma di promozione delle montagne di Lombardia, nell’ambito del quale si inserisce anche il progetto di valorizzazione delle falesie lecchesi che, dopo alcuni stop, ripartirà con i primi lavori entro il 31 ottobre 2016 per concludersi entro il 30 giugno 2017. Per noi un importante progetto pilota che abbiano in mente di portare nei prossimi anni anche in altri luoghi di Lombardia, come la Valchiavenna”.

Related Post

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *