• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Ambiente, Attualità, Primo Piano

Carta di Cortina, se ne parla oggi a Modena

foto @Cortinaski2021

CORTINA D’AMPEZZO, Belluno — Il progetto era stato lanciato lo scorso gennaio: la Carta di Cortina ha già visto il concretizzarsi di diverse iniziative che hanno coinvolto il territorio ampezzano e l’adesione di altri comuni interessati a intraprendere lo stesso percorso di sostenibilità.

La Carta di Cortina è la nuova sfida della località (e più in generale di tutte le località) per uno sviluppo orientato al green, attento dunque alle dinamiche ambientali e all’utilizzo sostenibile delle risorse naturali, in particolare nella stagione invernale, che vede un maggior afflusso turistico e tanti appuntamenti sportivi, come il grande e atteso evento dei Mondiali di Sci 2021. Se ne discuterà anche oggi alle 12 a Modena, in occasione di Skipass, dove si incontreranno il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, il Presidente del CONI Giovanni Malagò, il Presidente della FISI Flavio Roda e il Presidente della Fondazione Cortina 2021 Riccardo Donadon. Un appuntamento pubblico di alto livello per fare il punto sullo stato di avanzamento degli impegni contenuti nei dodici punti della Carta.

Inoltre, per tutta la durata della fiera (dal 29 ottobre all’1 novembre), lo stand della FISI ospiterà uno spazio dedicato alla Carta di Cortina e alla Fondazione Cortina 2021, che sarà a disposizione per raccontare il progetto ai visitatori e soprattutto per incontrare e conoscere giovani talenti che, mossi da entusiasmo, tenacia e passione per lo sci, vogliano mettersi in gioco e candidarsi come volontari per i prossimi eventi sportivi e culturali che caratterizzeranno la località ampezzana a partire dal 2017.

Il progetto della Carta di Cortina è stato avviato dal Ministero dell’Ambiente insieme al Comune di Cortina d’Ampezzo e alla Regione del Veneto, ad ANCI, ANEF, CONI, FISI, Fondazione Cortina 2021, Fondazione Dolomiti UNESCO, sprecozero.net.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *